>  Spazi confinati: per uscirne sani e salvi

Questo articolo è stato pubblicato per la prima volta su OH&S e ristampato previa autorizzazione. È possibile leggere l’articolo originale online su Occupational Health & Safety all’indirizzo https://ohsonline.com/Home.aspx. 

Gli spazi confinati esistono in quasi tutte le industrie e molti lavoratori vi entrano in contatto almeno una volta durante la loro vita lavorativa. Secondo l’Occupational Safety and Health Administration, ogni anno si contano circa 90 morti che coinvolgono spazi confinati in una vasta gamma di industrie. Purtroppo, due terzi di quelle morti riguardano lavoratori morti nel tentativo di salvare qualcun altro da uno spazio confinato. Questo spesso dipende dalla natura complessa di questi salvataggi, che talvolta porta a tentativi di recupero mal pianificati. 

Molti lavoratori e datori di lavoro non sono consapevoli dei pericoli posti dagli spazi confinati, tra cui:

  • Mancanza di ossigeno
  • Gas, fumi o vapori velenosi 
  • Liquidi e solidi che riempiono improvvisamente lo spazio confinato o vi rilasciano gas in caso di intervento
  • Incendio ed esplosioni
  • Residui abbandonati che possono rilasciare gas, fumi o vapori
  • Condizioni lavorative a temperature elevate

  • Caduta di oggetti
  • Parti di attrezzature o macchinari in movimento
  • Scosse elettriche causate da prolunghe o cavi di saldatura difettosi, ecc.
  • Scarsa visibilità
  • Sostanze che si infiltrano in tubazioni, quali gas, sostanze calde o acqua


Molto spesso, gli infortuni e i decessi si verificano a seguito di lavori svolti in uno spazio confinato, quali saldatura, pittura, ossitaglio o utilizzo di prodotti chimici.

Craig Firl, Responsabile dei Supporto tecnico per il Nord America, e Rick Argudin, istruttore senior specializzato nella formazione relativa agli spazi confinati, hanno collaborato alla stesura di questo articolo informativo basilare. È necessario ricevere la formazione adeguata, selezionare l’attrezzatura appropriata e esercitarsi nell’entrata, nell’uscita e nell’esecuzione di salvataggi simulati. Questo articolo illustra ciò che è opportuno sapere quando si tratta di spazi confinati: per uscirne sani e salvi.

La protezione anticaduta 3M unisce gli articoli e la perizia tecnica di DBI-SALA® e Protecta® alla tecnologia e all’innovazione di 3M per innalzare il livello di sicurezza e garantire il comfort, la destrezza e la sicurezza degli operatori ogniqualvolta lavorino in quota. Vedere i nostri articoli e servizi su 3M.com/FallProtection.
Powered by Translations.com GlobalLink OneLink Software