>  Glossario

Non siete sicuri del modo in cui calcolare la distanza di caduta oppure non sapete quale sia la differenza fra un ancoraggio e un dispositivo di ancoraggio? Fate riferimento al nostro glossario per ottenere aiuto a definire la terminologia che utilizziamo in questo sito. Siete ancora confusi? Contatta i nostri esperti dell’assistenza clienti per richiedere aiuto.

A

ABC di un sistema anticaduta personale
Gli elementi fondamentali di qualsiasi sistema anticaduta sono A per ancoraggio, B per supporto del corpo e C per connettori.

Sistema anticaduta attivo
Un mezzo per fornire una protezione dalle cadute che prevede che i dipendenti indossino e utilizzino attivamente dei dispositivi anticaduta e che richiede un corso di formazione.

Ancoraggio
Un punto di ancoraggio sicuro per un sistema anticaduta, di trattenuta o di posizionamento in fase di normale lavoro o nel salvataggio.

dispositivo di ancoraggio
Un mezzo per attaccare un sistema anticaduta personale, di ritenuta o di posizionamento durante il lavoro o di salvataggio all'ancoraggio più comune che si trova nelle imbracature di ancoraggio, i dispositivi di ancoraggio per tetti, le morse da trave scorrevole, le guide di scorrimento, i carrelli, gli occhielli e i moschettoni.

ANSI 
American National Standards Institute: è un’organizzazione privata che sovrintende lo sviluppo di standard di consenso volontario per prodotti, servizi, processi, impianti e personale negli Stati Uniti.

Forza di arresto
La forza esercitata sul lavoratore e il punto di ancoraggio nel momento in cui il sistema d'arresto caduta ferma la caduta. È misurato in chilo Newton (kN) - un massimo di 6 kN è consentito per i sistemi di arresto caduta ai sensi degli standard CE EN.

Punto di attacco
Un punto di connessione sull'imbracatura di arresto caduta che consente il collegamento di altri componenti di un sistema di discesa-salvataggio/posizionamento sul lavoro/protezione anticaduta come un Dispositivo anticaduta retrattile (SRL), gruppo Cordino o un altro dispositivo.

ATEX
ATEX è il nome dato a una serie di Direttive europee relative alle installazioni in aree rischiose (atmosfere infiammabili) che prende il nome dal francese "Atmosphères Explosibles (atmosfere esplosive)". Indica esplicitamente una serie di requisiti sulla salute e sulla sicurezza essenziali (ESHR) da seguire per permettere a chiunque operi nel settore di lavorare in tutta sicurezza e di evitare incidenti. Sono state introdotte due direttive separate inerenti alle Attrezzature (94/9/EC) e alla Sicurezza operativa (1999/92/EC).
--La Direttiva 94/9/EC si applica a tutte le attrezzature e i sistemi di protezione da utilizzare in atmosfere potenzialmente esplosive.
--La Direttiva 99/92/EC si riferisce ai requisiti minimi per il miglioramento della salute e della sicurezza sul lavoro per i dipendenti.

Persona autorizzata
Una persona approvata o incaricata dal datore di lavoro di svolgere un tipo di lavoro o mansioni specifiche o di stare in un luogo o in luoghi specifici nel posto di lavoro.

 – L’utilizzatore finale del dispositivo di protezione anticaduta che è stato formato a utilizzare e ispezionare i dispositivi di protezione anticaduta.

Soccorritore autorizzato
Un lavoratore che ha seguito un corso di formazione per eseguire salvataggi o fornire il proprio aiuto in tali circostanze.
Dispositivo di controllo automatico della discesa
Un dispositivo che, una volta innestato, fa scendere il lavoratore a una velocità controllata.

B 

Anello a D posteriore
Conosciuto anche come attacco dorsale o anello a D dorsale. Punto di attacco che è situato sul retro dell'imbracatura completa, posizionato fra le scapole.

Imbracatura
Un mezzo per sostenere il corpo con delle cinghie che vengono allacciate attorno al corpo dell’utente in modo da distribuire le forze di arresto caduta sopra le cosce, il bacino, la vita, il torace e le spalle e che offre la possibilità di attaccare altri componenti di un sistema d’arresto caduta individuale.

Sostegno per il corpo
Corrisponde normalmente all’imbracatura per il corpo che fornisce l’elemento principale per collegare il lavoratore al resto del sistema personale anticaduta. In base all'applicazione, possono essere utilizzati come parte di un sistema per prevenire completamente il lavoratore dalla caduta e per fermarla in caso che questa avvenga.

C

Moschettone
Un collegamento con una ghiera che è normalmente chiusa oppure si chiude automaticamente e viene utilizzato per collegare i componenti di un sistema anticaduta. Noto anche come ancoraggio certificato con moschettone Un ancoraggio che una persona qualificata ritiene sia in grado di sostenere la forza anticaduta.

Climb Assist
Un sistema verticale che aiuta l’utente nell’ascesa o nella discesa da una scala fissa per ridurre la fatica.

Tirante d'aria libero (calcolo)
Spazio necessario perché il sistema anticaduta possa fermare la caduta in sicurezza. Occorre sommare l’altezza di caduta libera, la distanza di decelerazione, l’altezza dell’operatore e un margine di sicurezza. Calcolo: distanza caduta libera distanza decelerazione dissipatore di energia distanza dall’ostruzione durante l’arresto caduta

Persona competente
Una persona che è in grado di identificare rischi esistenti e prevedibili nelle aree circostanti o condizioni di lavoro poco igieniche, rischiose o pericolose per i dipendenti e che è autorizzato ad adottare le misure correttive opportune per eliminarle.

-Solitamente la figura che si occupa degli operatori che lavorano in altezza. Lui/lei la valutazione di pericolo caduta ed identifica nuovi ed esistenti pericoli e come proteggere il personale esposto ad ogni pericolo. La persona competente può anche occuparsi di selezionare, indicare ed ispezionare i diversi punti di ancoraggio, verificando che i sistemi in uso siano sempre conformi alla normativa vigente. Garantisce inoltre il corretto piano di recupero nell’eventualità di una caduta, valutando le cause degli eventuali infortuni, ed eventualmente ispeziona i dispositivi rimuovendo dal servizio quelli danneggiati o comunque inutilizzabili.

Soccorritore competente
Un individuo che sviluppa procedure e metodi per condurre un’azione di soccorso adeguata ad ogni rischio di caduta prevedibile prima dell'inizio del lavoro, garantisce che i soccorritori autorizzati siano formati adeguatamente e siano in grado di eseguire i soccorsi, identificando le risorse necessarie per effettuare un salvataggio e verificano la disponibilità.

Connettore (ABC della protezione anticaduta)
Dispositivo utilizzato per collegare i diversi componenti del sistema anticaduta, di trattenuta o di posizionamento in fase lavorativa o di salvataggio. I connettori comprendono, a titolo esemplificativo ma non esaustivo, cordini, ganci a doppia leva, moschettoni, dispositivi di arresto caduta e sistemi speciali quali dispositivi anticaduta retrattili, sistemi di salita su scale, linee di sicurezza verticali e sistemi anticaduta scorrevoli.

Connettore (Moschettone)
Un moschettone può anche essere chiamato connettore.

Area di accesso controllato
Un’area in cui è possibile portare a termine alcuni lavori (per es. la collocazione di mattoni nel tetto) senza l’uso di sistemi a parapetti, sistemi d’arresto caduta individuali o reti di sicurezza e in cui l’accesso all’area è controllato.

Spazio confinato
Un’area che ha mezzi di entrata o uscita limitati o ristretti e che non è progettata per essere occupata continuamente dai dipendenti. 

Compatibilità
Le attrezzature sono considerate compatibili quando sono progettate per essere utilizzate insieme in modo che le rispettive forme e dimensioni non causino la separazione inavvertita durante l'uso.

Sistema di contrappeso
Un sistema che utilizza i pesi per fornire una struttura di sostegno solida per garantire il corretto bilanciamento delle forze necessarie per il lavoro in sicurezza.



Anello a D
Un componente integrato nei dispositivi di protezione anticaduta, comunemente presente sul supporto per il corpo e su alcuni connettori d’ancoraggio e che consente l’attacco di un dispositivo di collegamento.

Estensione con anello a D 
Un dispositivo che si collega all'anello a D posteriore di un'imbracatura che consente connessioni più semplici a cordini e altri dispositivi estendendo la distanza dall'anello a D posteriore.

Gru a sbraccio
I sistemi a sbraccio sono un'alternativa al classico treppiedi. Possiedono un'ampia dotazione di basi per garantire la massima adattabilità.

Rete per residui
Un sistema a rete che è progettato per contenere i residui. Questi sistemi non sono adatti come reti anticaduta0.

Distanza di decelerazione
La distanza verticale supplementare che percorre un dipendente durante la caduta prima di arrestarsi, escludendo l’allungamento della fune dispositivo e la distanza di caduta libera, a partire dal punto in cui il dispositivo di arresto caduta inizia a funzionare. Viene calcolata come la distanza tra l’ubicazione del punto di attacco dell’imbracatura di un dipendente al momento dell’attivazione (all’inizio delle forze di arresto caduta) del dispositivo di arresto caduta durante una caduta e l’ubicazione di quel punto di attacco dopo che il dipendente si è completamente arrestato.

Veicolo da dimostrazione
I veicoli utilizzati solitamente per i corsi di formazione anticaduta direttamente sul luogo di lavoro, per effettuare dimostrazioni, test di caduta e mostrare il corretto utilizzo dei dispositivi anticaduta

Sistema di discesa
Un sistema utilizzato per far scendere un operatore in sicurezza e a velocità controllata fino a terra o a un livello inferiore di una struttura.

Attacco dorsale
Conosciuto anche come anello a D posteriore. Punto di attacco che è situato sul retro dell'imbracatura completa, posizionato fra le scapole.

Cordino a forcella
Conosciuto anche come cordino a "Y". Due cordini collegati ad una sola estremità. Fornisce un collegamento costante al lavoratore per proteggerlo da una caduta in fase di spostamento..

Dispositivi di bloccaggio automatico a doppia o tripla azione
Un connettore o moschettone a chiusura automatica con una ghiera che si chiude automaticamente e resta chiusa fino a quando non viene aperta manualmente. Queste unità richiedono un minimo di due (doppio) o tre (triple) operazioni consecutive distinte e intenzionali per l'apertura manuale.

E

Ancoraggio terminale
Punto di ancoraggio terminale della linea vita orizzontale.

Dissipatore di energia
Conosciuto anche come dissipatore, è un elemento in grado di assorbire la forza esercitata sull'operatore in caso di caduta.



Arresto caduta
Una forma di protezione anticaduta progettata per arrestare un operatore durante una caduta prima che colpisca un oggetto o un livello inferiore.

Forza di arresto
La forza esercitata sul corpo dall’intervento di un dispositivo anticaduta nel caso di una caduta.

Sistema anticaduta
Conosciuto anche come sistema personale anticaduta. Sistema di ancoraggio e relativi accessori adattabile a diverse situazioni per la prevenzione o l’arresto della caduta.

Distanza di caduta
La distanza verticale necessaria per arrestare una caduta in sicurezza, tra un punto di lavoro, un oggetto o un livello più basso.

Rischio di caduta
Qualsiasi luogo in cui il dipendente viene esposto al rischio di una potenziale caduta.

Indicatore di caduta
Un indicatore visivo che mostra il sistema o il dispositivo d'arresto caduta è stato utilizzato per arrestare una caduta.

Prevenzione delle cadute
Un tipo di protezione anticaduta che impedisce che si verifichi una caduta. Ciò può essere realizzato attraverso mezzi passivi (parapetti) o attivi (trattenute).

Protezione anticaduta
Metodi utilizzati per minimizzare le lesioni e i costi associati, sia economici che umani, dovuti alle cadute.

Dispositivo di protezione anticaduta
Il dispositivo che viene utilizzato da un operatore per prevenire o per fermare in sicurezza una caduta.

Piano di protezione anticaduta
Un piano richiesto ogni volta che uno o più operatori vengono esposti continuativamente a rischi di caduta. Il piano deve essere sviluppato, revisionato e aggiornato costantemente per garantire che i rischi di caduta siano identificati e controllati e che i lavoratori siano consapevoli di tutti i rischi e abbiano seguito i corsi di formazione sul metodo di controllo adeguato. Il piano deve anche comprendere un piano di salvataggio per ogni rischio di caduta.

Sistemi di arresto caduta
Sistemi che impediscono al lavoratore dopo una caduta di colpire il suolo e/o ostruzioni al di sotto dell'area di lavoro. 

Sistema di trattenuta della caduta
Un sistema che impedisce al centro di gravità di un dipendente di raggiungere un pericolo di caduta.

Sistema "First-Man-Up"
Un sistema utilizzato per agire su un dispositivo anticaduta posto in altezza attraverso l’utilizzo di un apposito palo telescopico e uno specifico accessorio adattatore.

Forza
La forza viene misurata in Newton (N). Il peso di qualcosa in Newton (N) viene calcolato moltiplicando la massa in chilogrammi (kg) per il valore di gravità, che è 9.81 (m/s2). Un chilogrammo (kg) è un'unità di massa (es. il peso di un oggetto statico). Forza = massa x accelerazione. Per scopi di calcolo approssimativo: 1000N = 1 kN, 1 kN = 100kg, 10 kN = 1000kg. 

Caduta libera
La caduta che avviene prima che il sistema d’arresto caduta cominci ad applicare la forza per arrestare la caduta.

Distanza di caduta libera 
Lo spostamento verticale del punto di attacco del sistema di arresto caduta sull’imbracatura dell’operatore tra l’inizio della caduta e poco prima che il sistema inizi ad applicare la forza per arrestare la caduta. Questa distanza esclude la distanza di decelerazione e l’allungamento della fune dispositivo/del cordino ma include qualsiasi distanza di scorrimento del dispositivo di decelerazione o l’estensione del dispositivo anticaduta retrattile/cordino prima che si attivi e che intervengano le forze di arresto caduta.

Anello a D anteriore
Un connettore posizionato sulla parte anteriore di un'Imbracatura per il corpo nell'area dello sterno.

Imbracatura per il corpo
Un mezzo per sostenere il corpo con delle cinghie che vengono allacciate attorno al corpo dell'utente e distribuiscono le forze di interruzione della caduta sopra le cosce, il bacino, il torace e le spalle.


Sistema di parapetti (protezione collettiva)
Una forma passiva di protezione anticaduta. Solitamente una barriera che consiste in strutture verticali e orizzontali per prevenire che i lavoratori corrano un rischio di caduta.

H
Elementi metallici
Qualsiasi componente metallico come un anello a D o un moschettone utilizzato per collegare i componenti di un sistema anticaduta.

Gerarchia del controllo
La gerarchia del controllo è una sequenza di opzioni che consentono di gestire il rischio dal maggiore livello di controllo all'opzione meno preferita. Queste misure, nell'ordine, sono: identificazione, eliminazione, sostituzione e isolamento. Se non sono pratiche, le attrezzature di protezione anticaduta devono essere usate.

Sistema di ancoraggio orizzontale
Un sistema che comprende una linea flessibile come una fune di acciaio, un corda oppure un nastro tessile, fissato ad entrambe le estremità orizzontalmente fra due ancoraggi oppure con due connettori su punti strutturali stabili.

linee vita orizzontali – Permanenti
Un cavo di sicurezza orizzontale installato permanentemente che che viene fissato alla struttura per costituire un ancoraggio in fase di costruzione, manutenzione e successive lavorazioni.

linee vita orizzontali – Temporanei
Un sistema anticaduta orizzontale preprogettato di facile installazione e rimozione utilizzabile in svariati luoghi di lavoro senza alterare le superfici cui viene collegato.

Sistema a binario orizzontale
Un sistema costituito da un binario rigido, da utilizzare come ancoraggio, fissato orizzontalmente a una struttura regolabile.



Indicatore di impatto
Componente in grado di mostrare visivamente che il dispositivo ha subito una caduta e come tale occorre sostituirlo o, se meccanico, revisionarlo.

Matassa di inerzia
Una matassa che si attiva per inerzia che ritrae e rilascia la fune. In caso di caduta la matassa si blocca. Spesso denominato dispositivo anticaduta retrattile o Blok.

Punti intermedi (con riferimento alle linee di ancoraggio orizzontali)
I punti di connessione della fune dispositivo che supportano il sistema di sicurezza orizzontale nei punti centrali e dividono la lunghezza complessiva del sistema di sicurezza orizzontale in intervalli più piccoli.

J

K


Cordino
Dispositivo utilizzato per collegare un’imbracatura o ancoraggio o moschettone d’ancoraggio, normalmente in corda o nastro tessile.

Estremità con rischio di caduta
Il bordo di un pavimento, tetto o una cassaforma per un pavimento o altra superficie di transito/lavoro (come una pedana d’ingresso) che cambia posizione quanto vengono posizionate, formate o costruite sezioni aggiuntive di pavimento, tetto, pedana d’ingresso o cassaforma. Un bordo avanzato viene considerato come "un lato e un bordo non protetto" durante i periodi in cui non è attivamente e continuamente in corso di costruzione.

Funi dispositivo (possono applicarsi per sistemi di linee di sicurezza verticali, sistemi di sicurezza orizzontali, o dispositivi anticaduta retrattili/dispositivi di ritenuta retrattili)
Un componente costituito da una linea flessibile per il collegamento a un sistema di ancoraggio a un’estremità per sospendersi verticalmente (linea di sicurezza verticale) o per il collegamento a sistemi di ancoraggio a entrambe le estremità per allungarsi orizzontalmente (linea vita orizzontale) e che funge da mezzo per collegare altri componenti di un sistema d’arresto caduta individuale al sistema di ancoraggio.

Caduta libera limitata
Definita come una caduta libera breve richiesta in modo che il dispositivo utilizzato nell'arresto della caduta possa attivarsi e completare l'arresto di caduta.  Le distanze di caduta libera massima possono variare leggermente a seconda del dispositivo in uso.  Consultare gli standard e il manuale dell'utente dell'articolo per determinare la caduta libera massima per dispositivo.
Discensore automatico
Un dispositivo di sicurezza di sostegno per interrompere completamente un carico in caduta (solo i carichi di materiale, non il personale) se si stacca dalla linea di sostegno principale. Viene utilizzato solitamente in combinazione con dispositivi di sollevamento come gru o montacarichi.

Tetto a scarsa pendenza 
Un tetto avente una pendenza inferiore o uguale a 4 su 12 (da verticale a orizzontale).

Livelli inferiori
Quelle aree o superfici su cui un lavoratore può cadere. Tali aree o superfici includono, a titolo esemplificativo ma non limitativo, piano terra, pavimenti, piattaforme, rampe, passerelle, scavi, fosse, cisterne, materiale, acqua, attrezzature, strutture o parti delle stesse.



Dispositivo in grado di calare l’operatore ad una velocità controllata
Dispositivo di attrito che richiede l’intervento dell’operatore per la discesa a velocità controllata.

Sistema a rete
Sistemi passivi, solitamente progettati per contenere i residui oppure per fermare l’eventuale caduta.

Ancoraggio non certificato
Un sistema di ancoraggio che una persona competente ritiene adeguato per mantenere la forza necessaria per il tipo di sistema di protezione anticaduta da utilizzare, generalmente travi, armature o altre strutture solide adeguate.

O

P

Fibbia passante
Composta da due elementi metallici che si fissano passandone uno attraverso l’altro dopo averlo ruotato adeguatamente. La parte femmina è un triangolo permanentemente attaccato ad un anello alla fine della cinghia. La parte maschio è attaccata alla cinghia di giunzione seguendo la maglia attraverso i due inserti nel riquadro. Per attivare la fibbia, girare la parte maschio ad un angolo tale che passi attraverso il riquadro femmina. Permettono anche la regolazione della lunghezza dei nastri e, di conseguenza, l’adattamento dell’imbracatura al corpo dell’utilizzatore.

Sistema anticaduta passivo
Un mezzo per fornire una protezione dalle cadute che non richieda a un lavoratore di indossare oppure di utilizzare attivamente un dispositivo. Questo include parapetti e a reti anticaduta.

Spazio confinato
Uno spazio che presenta una o più delle seguenti caratteristiche: (1) contiene o potenzialmente contiene un’atmosfera rischiosa; (2) contiene un materiale che potenzialmente può far sprofondare colui che vi entra; (3) ha una configurazione interna tale che colui che vi entra potrebbe rimanere intrappolato o asfissiato da pareti convergenti verso l’interno oppure con una pavimentazione inclinata verso il basso e la cui sezione interna si assottiglia; oppure (4) contiene qualsiasi altro rischio per la salute o per la sicurezza riscontrato (quale il rischio di caduta).

Sistema portatile avanzato per arresto cadute
Un sistema utilizzato per arrestare un dipendente durante una caduta da un livello di lavoro. È costituito da un ancoraggio, connettori, una cintura in vita o un’imbracatura e può includere un cordino, un dispositivo di arresto caduta, una fune dispositivo o una combinazione appropriata di questi elementi. A partire dal 1° gennaio 1998, è vietato l’uso di una cintura in vita per arrestare la caduta.

Sistema di reti anticaduta
Un sistema di reti progettato per resistere specificamente alle forze di una eventuale caduta.

Cinghia con fibbia
Cinghia di posizionamento sul lavoro progettata per essere posizionata attorno a un palo/struttura e collegata a due punti, uno su ogni lato degli anelli a D della cintura di imbracatura del lavoratore su linea mentre l'utente sta lavorando sul palo.

Dispositivo di posizionamento
Un sistema di imbracatura installato per permettere a un lavoratore di essere sostenuto su una superficie elevata verticale, come una parete, e di lavorare e appoggiarsi senza utilizzare le mani.

Cinghia di posizionamento
Un dispositivo configurabile utilizzato per proteggere un lavoratore ad altezze elevate consentendogli allo stesso tempo di posizionarsi per completare un’attività in modo comodo e sicuro con entrambe le mani. Normalmente utilizzato con o combinato in un’imbracatura di arresto caduta e un sistema d’arresto caduta.

Amministratore del programma
Individuo responsabile di tutte le fasi del piano di protezione delle cadute, compreso il relativo sviluppo, implementazione e monitoraggio continuo. Deve fornire una guida a tutti coloro che sono coinvolti in un piano di protezione delle cadute, assegnare tutti i compiti e tutte le responsabilità, fornire i programmi formativi, essere coinvolto nella valutazione degli infortuni e valutare l’efficacia del piano.

Q 

Persona qualificata
Colui/lei che, in possesso di un diploma o attestato riconosciuto, o con requisiti professionali o con una profonda conoscenza, formazione ed esperienza, ha ampiamente dimostrato la sua capacità nel conoscere, gestire e risolvere problemi legati alla materia, al lavoro o il progetto da eseguire.

–Spesso si tratta di un ingegnere o di qualcuno con un’ampia conoscenza della fisica della protezione anticaduta e dell’uso dell’attrezzatura.

Fibbia ad attacco rapido
Una fibbia che consente di indossare facilmente e velocemente un'Imbracatura per il corpo con una sola mano.


Salvataggio/piano di salvataggio
La capacità di recuperare o salvare una persona da spazi confinati o altezze. Un piano di salvataggio efficace deve sempre far parte integrante di qualsiasi piano di protezione dalle cadute.

Dispositivo di posizionamento per salvataggio (RDP)
Sistema di soccorso che consente di sollevare o calare se stesso o un altro operatore ad un diverso livello di lavoro.

Sistema di salvataggio
Dispositivi e componenti utilizzati per garantire il ritorno a terra oppure adatti a recuperare l’operatore che abbia subito una caduta o da situazioni pericolose quali quelle degli spazi confinati.

Sistema di ritenuta delle cadute
Una forma attiva di protezione anticaduta utilizzata per evitare che un lavoratore ad altezze elevate si avvicini troppo all’estremità di una struttura in cui si potrebbe verificare una caduta libera e comprende di solito un’imbracatura completa per il corpo, un cordino e un dispositivo di ancoraggio.

Valutazione del rischio
La valutazione dei pericoli entro siti di lavoro che hanno il potenziale per causare gravi lesioni personali o malattia.

Fuoriuscita/fuoriuscita forzata
Una circostanza quando la forza è applicata al dispositivo di bloccaggio anteriore sicuro su un moschettone o gancio a doppia leva in modo che si apra involontariamente o venga compresso, creando un rilascio del sistema d'arresto caduta.

Dispositivo anticaduta di tipo guidato
Un dispositivo di arresto caduta che scorre su una fune dispositivo e automaticamente, tramite l’attrito, attiva la fune dispositivo e si blocca in modo da arrestare la caduta di un lavoratore. Un sistema anticaduta scorrevole, generalmente, utilizza il principio di bloccaggio a inerzia, bloccaggio con camma/leva o entrambi.

Tetto 
La superficie esterna sulla parte superiore di un edificio. Non include i pavimenti o la cassaforma che diventano temporaneamente le superfici superiori di un edificio finché questo non è stato completato.

Lavori relativi al tetto 
Il sollevamento, il deposito, l’applicazione e la rimozione di materiali e attrezzature relativi al tetto, nello specifico lavori legati a isolamento, lamiere e materiale impermeabilizzante ma che non includono la costruzione della terrazza sul tetto.

S

Sistema di monitoraggio di sicurezza
Il sistema con cui una persona competente può riconoscere ed avvisare i lavoratori dei rischi di caduta. Un mezzo di controlli amministrativi.

Manicotto di sicurezza
Per i sistemi verticali, deve essere messo in funzione interamente dalla persona che utilizza il sistema di sicurezza con scala. Deve permettere alla persona che utilizza il sistema di sicurezza della scala di scendere o salire senza dover continuamente manipolare il manicotto di sicurezza.

Dispositivo anticaduta retrattile
Un dispositivo di arresto caduta contenente una linea avvolta su un tamburo che può essere estratta da o retratta lentamente verso il tamburo con una leggera tensione durante il normale movimento del lavoratore e che, dopo l’inizio di una caduta, blocca automaticamente il tamburo e arresta la caduta.

Centro Manutenzioni (autorizzato dalla fabbrica)
Un centro che è stato approvato dal produttore per riparare e certificare l’attrezzatura.

Assorbitori d'energia
Conosciuto anche come assorbitore di energia. è un elemento in grado di assorbire la forza esercitata sull'operatore in caso di caduta.

Cordino con assorbitore d'energia
Un cordino dotato di un elemento atto a dissipare l’energia di una caduta, limitando le forze di arresto.

Cordino elastico con assorbitore d'energia
Cordino con assorbitore di energia con capacità di estendersi o ritirarsi assecondando i movimenti dell’operatore. Aiuta a prevenire intralci e possibilità di inciampare.

Pacchetto assorbitore
L’elemento del cordino con assorbitore di energia che contiene l’assorbitore di energia che, dispiegandosi, riduce l’energia della caduta.

Dispositivo anticaduta guidato
Per i sistemi orizzontali, deve essere messo in funzione interamente dalla persona che utilizza il sistema di sicurezza orizzontale. Consente alla persona che utilizza il sistema di sicurezza orizzontale di muoversi liberamente per tutta la lunghezza del sistema senza dover continuamente manipolare il dispositivo anticaduta guidato.

Gancio a doppia leva
Un connettore costituito da una parte a forma di gancio con un passante normalmente chiuso, o un dispositivo simile, che può essere aperto per permettere al gancio di ricevere un oggetto e, quando rilasciato, si chiude automaticamente per trattenere l’oggetto. Poiché i ganci a doppia leva sono connettori, essi devono disporre di almeno 2 azioni per aprire il passante dalla sua posizione chiusa.

Interasse
La distanza tra punti intermedi o di ancoraggio di un sistema anticaduta orizzontale.

SRL
Un dispositivo anticaduta retrattile è un avvolgitore attivato a inerzia che si ritrae e si rilascia. In caso di caduta la matassa si blocca. Spesso denominato Blok.

Tetto inclinato
Un tetto avente una pendenza superiore a 4 su 12 (da verticale a orizzontale).

Cinghia sub-pelvica
Una cinghia incorporata in un'imbracatura per il corpo che passa sotto i glutei collegando i due anelli per cosciali. È progettata per distribuire le forze in tutto il corpo inferiore per ridurre la possibilità di lesioni a seguito di una caduta.

Trauma da sospensione
Una condizione che si verifica quando un lavoratore è sospeso in un’imbracatura dopo una caduta, a causa della restrizione del flusso del sangue. Può comportare danni cerebrali gravi o persino il decesso e può verificarsi in soli quindici minuti. 

Nastro anti-trauma da sospensione
Dispositivi integrati o collegabili ad un’imbracatura che in seguito ad una caduta vengono dispiegati per minimizzare le pericolose conseguenze della sospensione. Chiamati anche nastri anti-trauma da sospensione.

Effetto pendolo
Movimento oscillatorio conseguente ad una caduta in cui l'ancoraggio si trovi in posizione spostata dalla verticale.


Cordino Tie back
Due modelli disponibili, entrambi con funzione di ancoraggio incorporato: Uno con anello a D metallico sul cordino per agganciare il connettore, l’altro per fissare il gancio a doppia leva ad alta resistenza allo stesso nastro tessile dopo aver avvolto la struttura col nastro stesso di 22 kN (5,000 libbre).

Adattatore "tie-off"
Connettori di ancoraggio alternativi per un sistema di arresto della caduta composto da diversi materiali, compresi cavi, reti e catene.

Trattenuta di spostamento
Controlla il movimento di una persona collegandosi ad un punto di ancoraggio per impedire fisicamente alla persona di raggiungere una posizione in cui vi è un pericolo di caduta.

Treppiedi
Dispositivi portatili leggeri in grado di fornire un ancoraggio temporaneo sopra il capo, utilizzati solitamente come ancoraggi per l’accesso a passi d’uomo e applicazioni di recupero.

Fibbia con ardiglione
Simile ad una fibbia di una cintura, permette una regolazione immediata e salda oltre che confortevole.

Carrello
Un dispositivo di ancoraggio che scorre su trave metallica per fornire una mobilità orizzontale al lavoratore.

Cordino a forcella 
Conosciuto anche come cordino a "Y". Due cordini collegati ad una sola estremità. Fornisce un collegamento costante al lavoratore per proteggerlo da una caduta in fase di spostamento..



V

Sistema anticaduta verticale (VLL)
Un sistema composto da una linea flessibile quale una fune d’acciaio, una corda o un cavo con un connettore fissato all’estremità superiore, lungo cui scorre un dispositivo di arresto caduta.

W

Superficie di transito/di lavoro 
Qualsiasi superficie, orizzontale o verticale su cui un lavoratore transita o lavora, inclusi a titolo esemplificativo ma non limitativo, pavimenti, tetti, rampe, ponti, passerelle, cassaforma e acciaio di armature e che non include scale, veicoli o rimorchi su cui i dipendenti devono trovarsi per realizzare le loro mansioni.

Nastro tessile
Tessuto utilizzato in diversi componenti dei dispositivi anticaduta come le imbracature, gli assorbitori, ed altri.

Cuneo di aggancio
Estremità regolabile facilmente per fili, funi o cavi, non richiede alcuno strumento per poter essere installata e supporta 22Kn (5,000 libbre).

Verricello
Un dispositivo per sollevare e abbassare i carichi con un meccanismo che avvolge e svolge la fune. Facilita il sollevamento meccanico.

Area di lavoro
Una parte di una superficie di transito/di lavoro in cui vengono svolte le mansioni.

Posizionamento di lavoro
"Un sistema di protezione anticaduta individuale che consente a un operatore di lavorare sostenuto in tensione
o sospensione in modo tale da impedire o limitare il rischio di caduta. Normalmente utilizzato congiuntamente a un sistema d’arresto caduta."

Cordino di posizionamento sul lavoro
Un dispositivo configurabile utilizzato per proteggere un lavoratore ad altezze elevate consentendogli allo stesso tempo di posizionarsi per completare un’attività in modo comodo e sicuro con entrambe le mani. Normalmente utilizzato con o combinato in un’imbracatura di arresto caduta e un sistema d’arresto caduta.


XYZ 

La protezione anticaduta 3M unisce gli articoli e la perizia tecnica di DBI-SALA® e Protecta® alla tecnologia e all’innovazione di 3M per innalzare il livello di sicurezza e garantire il comfort, la destrezza e la sicurezza degli operatori ogniqualvolta lavorino in quota. Vedere i nostri articoli e servizi su 3M.com/FallProtection.
Powered by Translations.com GlobalLink OneLink Software